Il paese “Pisciotta” e dintorni

” Due miglia poi sul mare,è la grossa terra di Pisciotta, con un Monistero di frati francescani. E’ questa situata sulla falda della collina, in luogo di bell’aria, ed abbondantissima di chiare acque, che non poco comodo agli abitatori e ai giardini danno. Tutte le frutta, che in questo territorio nascono sono di squisita bontà e sapore e l’oglio sopra tutto, che in quantità grande produce, io lo ripongo fra i più belli del Regno.” (Giuseppe Antonini, La Lucania, Napoli, Francesco Tomberli, MDCCXCV.) Il castello Pappacoda e la Chiesa Madre sono stati gradualmente circondati da case-fortezza, poi diventati palazzetti, e da piccole case rustiche, magazzeni di oli e di coltura tra i boschi di ulivi. E’ un paese lasciato quasi intatto da una borghesia e un clero mediatore del passsaggio al Contemporaneo.. Artigiani, marinai, contadini, donne hanno partecipato ai conflitti seguiti alla Rivoluzione francese fino alla rivolta del 1848. Da allora Pisciotta ha cominciato ad adattarsi alle nuove domande della società civile con un forte legame con la sua identità composta di coltivazioni e cibi, di edifici ancora vivibili in un aggregato di architetture antiche in via di riscopertta e di restauro. Pisciotta è nel cuore del primo Geoparco Unesco italiano, il Praco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.
Numerosi i luoghi di interesse e le attrazioni raggiungibili da Pisciotta. Le aree archeologiche di Paestum, coi suoi templi, Elea-Velia con la torre di epoca successiva, i resti dell’antica città di Rocca Gloriosa. Le spiagge premiate da Legambiente come le più belle d’Italia degli Infreschi e Cala Bianca, l’Arco Naturale di Palinuro e Punta Licosa. Le note località di Castellabate, Acciaroli, Palinuro, Camerota e Scario. I paesaggi montani dell’interno, ricchi di storia e arte come la Certosa di Padula, la Badia di Pattano. E ancora le innumerevoli grotte e cavità naturali per gli appassionati di speleologia, Castelcivita, Pertosa, le grotte del Bussetto a Morigerati. Cornice irrinunciabile gli ottimi prodotti tipici ed eccellenze, come le alici di menarca, il cui acquisto sulla banchina del porto di Marina di Pisciotta è un’esperienza da consigliare. Il tutto condito dall’ottimo olio di oliva ottenuto tramite processi tradizionali dagli utili della varietà “Pisciottana”, dal portamento maestoso ed elegante.

Pisciotta notte
Il promontorio di Palinuro visto da Caprioli

Il promontorio di Palinuro visto da Caprioli

67601_316430861804810_912293256_n431562_277132015734695_596075004_n252396_312999205481309_297963455_n578046_348693018578594_1290048973_n1146708_477484672366094_1297315055_n1231277_447461942035034_2061039125_n1464621_544174092363818_1745657079_n10157147_546613902119837_925724701_n10259714_565519310229296_216839431365711730_n

Le spiagge del Cilento Bandiera Blu

Le spiagge del Cilento Bandiera Blu

Per il quarto anno consecutivo un prestigioso riconoscimento per le spiagge di Pisciotta.

Per il quarto anno consecutivo un prestigioso riconoscimento per le spiagge di Pisciotta.

Photo credits to Proloco Pisciotta.